*

Quanti ricordi sono sepolti dentro di noi, quante tracce. Frammenti di un lontanissimo passato, di cui non abbiamo alcuna memoria cosciente, danno continuamente forma al nostro presente e determinano il nostro futuro senza che possiamo parteciparvi in modo consapevole.
Radici che non penetriamo con la mente, eppure ci percorrono, solidissime, costanti, dotate di pazienza millenaria.
Un déjà-vu, una sensazione fuggevole, un improvviso barlume subito spento – come di riconoscimento, un immediato Sì, mi appartiene, lo ricordo; questo sono io. È tutto quello che ci resta.
Eppure è vicino il mare, con tutti i suoi tesori conservati, come in una teca. Pescarla non si può. Bisognerà tuffarsi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: